NOTIZIE UTILI

ASD Sporting Viagrande

 

La Gazzetta news

 

News Calcio

 

RASSEGNA STAMPA

 

Dante Alighieri (Firenze, tra il 14 maggio ed il 13 giugno 1265 – Ravenna, tra il 13 e il 14 settembre 1321) è stato un poeta, scrittore e politico italiano. Considerato il padre della lingua italiana, è l'autore della celebre Commedia.

Il suo nome, secondo la testimonianza di Jacopo Alighieri, è un ipocorismo di Durante[1]: nei documenti era seguito dal patronimico Alagherii o dal gentilizio de Alagheriis, mentre la variante Alighieri si affermò solo con l'avvento di Boccaccio, che fu tra l'altro uno dei maggiori commentatori trecenteschi dell'opera di Dante e copiò di suo pugno diversi manoscritti della Commedia e delle Rime dantesche.

 

Dante Alighieri (Firenze, tra il 14 maggio ed il 13 giugno 1265 – Ravenna, tra il 13 e il 14 settembre 1321) è stato un poeta, scrittore e politico italiano. Considerato il padre della lingua italiana, è l'autore della celebre Commedia.

Il suo nome, secondo la testimonianza di Jacopo Alighieri, è un ipocorismo di Durante[1]: nei documenti era seguito dal patronimico Alagherii o dal gentilizio de Alagheriis, mentre la variante Alighieri si affermò solo con l'avvento di Boccaccio, che fu tra l'altro uno dei maggiori commentatori trecenteschi dell'opera di Dante e copiò di suo pugno diversi manoscritti della Commedia e delle Rime dantesche.

 

Dante Alighieri (Firenze, tra il 14 maggio ed il 13 giugno 1265 – Ravenna, tra il 13 e il 14 settembre 1321) è stato un poeta, scrittore e politico italiano. Considerato il padre della lingua italiana, è l'autore della celebre Commedia.

Il suo nome, secondo la testimonianza di Jacopo Alighieri, è un ipocorismo di Durante[1]: nei documenti era seguito dal patronimico Alagherii o dal gentilizio de Alagheriis, mentre la variante Alighieri si affermò solo con l'avvento di Boccaccio, che fu tra l'altro uno dei maggiori commentatori trecenteschi dell'opera di Dante e copiò di suo pugno diversi manoscritti della Commedia e delle Rime dantesche.

Dante Alighieri (Firenze, tra il 14 maggio ed il 13 giugno 1265 – Ravenna, tra il 13 e il 14 settembre 1321) è stato un poeta, scrittore e politico italiano. Considerato il padre della lingua italiana, è l'autore della celebre Commedia.

Il suo nome, secondo la testimonianza di Jacopo Alighieri, è un ipocorismo di Durante[1]: nei documenti era seguito dal patronimico Alagherii o dal gentilizio de Alagheriis, mentre la variante Alighieri si affermò solo con l'avvento di Boccaccio, che fu tra l'altro uno dei maggiori commentatori trecenteschi dell'opera di Dante e copiò di suo pugno diversi manoscritti della Commedia e delle Rime dantesche.

Dante Alighieri (Firenze, tra il 14 maggio ed il 13 giugno 1265 – Ravenna, tra il 13 e il 14 settembre 1321) è stato un poeta, scrittore e politico italiano. Considerato il padre della lingua italiana, è l'autore della celebre Commedia.

Il suo nome, secondo la testimonianza di Jacopo Alighieri, è un ipocorismo di Durante[1]: nei documenti era seguito dal patronimico Alagherii o dal gentilizio de Alagheriis, mentre la variante Alighieri si affermò solo con l'avvento di Boccaccio, che fu tra l'altro uno dei maggiori commentatori trecenteschi dell'opera di Dante e copiò di suo pugno diversi manoscritti della Commedia e delle Rime dantesche.